Come riconoscere vetri con gas argon


Come riconoscere vetri con gas argon

I vetri delle finestre sono fattori determinanti per evitare la dispersione di calore dall’interno di un’abitazione. Per questo motivo nelle case di nuova costruzione o negli appartamenti in ristrutturazione si tende sempre più a utilizzare finestre isolanti che possano contribuire ad un risparmio di consumi notevole. Una soluzione è data dalle finestre isolanti con vetrocamera, ovvero strutture composte da due o più lastre di vetro tra cui si crea una camera che può contenere aria secca oppure, per aumentare ulteriormente le performance, gas nobili. In questo articolo spiegheremo i vantaggi e come riconoscere vetri con gas argon .

Sigla AR GAS argon

Sigla AR GAS argon

Vantaggi del gas argon

L’argon è uno dei gas maggiormente impiegati in questo tipo di finestre, perché risulta molto efficace nell’isolamento termico dell’appartamento e ha un rapporto prezzo/prestazione migliore di qualsiasi altro gas. Il gas argon ha una conduttività termica, a parità di temperatura, molto inferiore rispetto all’aria, per cui garantisce una maggiore capacità di isolamento termico.

Ecco come riconoscere vetri con gas argon

Innanzitutto bisogna leggere la descrizione del vetro. La sigla AR indica che è stato utilizzato il gas argon per riempire lo spazio tra le lastre.
E’ importante poter verificare se il vetrocamera montato sulle finestre sia effettivamente con gas argon o meno, quantomeno per capire se il vostro fornitore abbia effettivamente rispettato le vostre richieste.

Se per individuare un vetro basso emissivo è sufficiente fare un test al buio con un fiammifero o una torcia e vedere i riflessi che la luce ha nel vetro, capire se nel vetrocamera sia presente o meno gas argon è un po’ più complicato e servono strumenti e tecniche adeguate.

In particolare bisogna effettuare un’analisi termografica sulle vetrate, per stabilire il grado di trasferimento di calore. Il test termografico nel settore dei serramenti può essere eseguito da un operatore certificato 2° livello secondo UNI EN ISO 9712:2012 la cui apparecchiatura abbia un certificato di taratura conforme alle normative del settore.

Proprio per la difficoltà a verificare la reale presenza del gas, è sempre opportuno affidarsi a rivenditori qualificati che possano garantire con certezza quanto dichiarato nei documenti di vendita.

La valutazione termografica, dunque, è la via più certa su come riconoscere vetri con gas argon e se la validità termica delle finestre corrisponde a quanto dichiarato dal produttore.